«Riapertura delle scuole incompatibile con le transenne in piazza Federico II?» | Password Magazine

«Riapertura delle scuole incompatibile con le transenne in piazza Federico II?»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Riapertura delle scuole incompatibile con le transenne in piazza Federico II». Lo sostiene la consigliera comunale del PD Emanuela Marguccio che pone la questione al centro della domanda di attualità per il Consiglio comunale di oggi.

«In Piazza Federico II sono iniziati i lavori per lo spostamento della Fontana delle Leonesse ed è stato predisposto un ampio cantiere delimitato da transenne che sigillano la piazza – si legge nel documento -. Nel caso di evacuazione dovuta a motivi di forza maggiore (terremoto, incendio, …), Piazza Federico II è il punto di raccolta in cui gli alunni e il personale della scuola primaria Mestica e della scuola primaria Martiri della Libertà, a tutt’oggi divisa tra il plesso Mestica e Palazzo Carotti, si riuniscono». In vista dell’imminente riapertura delle scuole fino alla prima media anche nelle zone rosse, così come annunciato dal presidente del Consiglio Mario Draghi, con il rientro in classe dunque dei  «circa 300 gli alunni delle scuole primarie Mestica e Martiri della Libertà», la Marguccio chiede come l’Amministrazione comunale intende risolvere il problema dell’«insufficiente e angusto spazio» a disposizione in caso di evacuazione, che non permetterà agli studenti «di rispettare né le ordinarie norme di sicurezza, né tanto meno le regole di distanziamento, attualmente necessarie per la pandemia in corso». Infatti «nonostante il lieve spostamento delle transenne – sostiene la consigliera -. lo spazio che resta a disposizione continua ad essere inadeguato e non permette alle scuole interessate di rispettare il piano di evacuazione previsto».

Dal Comune di Jesi, replicano con la nota che già il 15 marzo scorso il responsabile della sicurezza del cantiere aveva trasmesso ai dirigenti scolastici: «In fase di progettazione sono state valutate le possibili interferenze con le strutture pubbliche presenti nell’area – si legge – in particolar modo per gli edifici scolastici di cui trattasi, sono stati presi in considerazione e garantiti sia l’accesso dei mezzi di soccorso, sia le aree considerate luoghi sicuri».

«L’area di cantiere risulta di superficie ridotta rispetto a quella occupata dai mercati settimanali e prevede comunque, nella stessa piazza, due aree sicure, una di circa 350 metri quadri di fronte all’ingresso della scuola (individuata come zona A) ed un’altra di circa 700 mq. (individuata come zona B), raggiungibile dai percorsi sicuri lungo i lati del cantiere. Entrambe le zone, in funzione del numero di utilizzatori dei plessi scolastici, garantiscono uno spazio minimo per soggetto superiore ad 1 mq. Si fa presente comunque che qualora durante l’esecuzione dei lavori si dovessero eseguire operazioni che potrebbero oggettivamente interferire con l’attività scolastica, sarà cura di questo
ufficio comunicarle preventivamente e adottare tutte azioni anche coordinate con gli istituti scolastici, al fine di garantire agli stessi lo svolgimento delle attività in sicurezza».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.