Rogo al Palascherma, Vezzali e Di Francisca: "Distrutta la memoria" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Rogo al Palascherma, Vezzali e Di Francisca: "Distrutta la memoria"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
JESI – “Questa mattina è andata in fumo parte della mia vita”. Sono le parole di desolazione e rabbia espresse dalla campionessa olimpica e parlamentare Valentina Vezzali, pubblicate ieri sulla sua pagina Facebook in merito all’incendio doloso appiccato al Palascherma di via Solazzi da parte di ignoti, mandando in fumo l’archivio del Club (VIDEO). “Anni e anni di vittorie andate perse – continua Vezzali – proprio all’indomani della consegna del Collare d’Oro alla società schermistica marchigiana, che vanta ventidue medaglie olimpiche e che per questo ha conquistato la più alta onorificenza che il Coni possa donare. Spero si faccia luce al più presto su questo indecente atto vandalico e che vengano presi i colpevoli di un atto così meschino”.
Anche l’oro olimpico Elisa Di Francisca non ha potuto astenersi dal commentare in lacrime l’atto vandalico, di fronte alle ceneri:
“Oggi al Club Scherma Jesi è andata persa una delle cose più importanti che ha l’essere umano: la memoria – sono le sue parole di rammarico espresse in una lettera – Un gruppo di persone senz’anima è entrato in casa mia, la sede del Club Scherma Jesi,  probabilmente per rubare oggetti di valore, forse sperando di trovare il “Collare d’oro” assegnatoci ieri dal Coni. E ignari di quello che stavano per fare, hanno appiccato il fuoco nell’archivio storico del centro”.
Una stoccata al cuore della città, affezionata a quell’edificio in cui sono cresciuti almeno tre generazioni di campioni. Tante le parole di conforto e vicinanza arrivate al Club di Scherma, attraverso i social network:
“Rivolgo il ringraziamento più sentito a tutti coloro che mi hanno espresso la loro vicinanza e solidarietà per lo scempio che ha subito la nostra palestra – commenta il presidente Alberto Proietti Mosca –  Un atto inqualificabile messo a segno da persone che dimostrano di avere dei valori distanti anni luce da quelli che noi da sempre ci impegniamo di trasmettere ai tanti giovani atleti permettendogli di raggiungere i più ambiziosi traguardi sia nella vita che nello sport. Il constatare che esistono persone con tale malvagità d’animo mi rattrista fortemente”.
a cura di Chiara Cascio
(foto: Club Scherma Jesi)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.