Maiolati, domenica la celebrazione della Festa dell'Unità nazionale e delle Forze armate | Password Magazine
Festival Pergolesi

Maiolati, domenica la celebrazione della Festa dell’Unità nazionale e delle Forze armate

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI SPONTINI – L’Amministrazione comunale di Maiolati Spontini ricorda la Festa dell’Unità nazionale e delle Forze armate, che cade il IV novembre, con una serie di cerimonie che toccheranno i principali centri del territorio comunale.

Celebrazioni che, per facilitare la partecipazione dei cittadini, si svolgeranno domenica 10 novembre. La prima tappa sarà a Moie, alle ore 8,30, nella chiesa Santa Maria con la messa in suffragio per i Caduti di tutte le guerre. Alle ore 9.15 è prevista la formazione di un corteo fino al monumento dei caduti, dove avverrà la deposizione di una corona. Seguiranno gli interventi ufficiali del sindaco Giancarlo Carbini e delle autorità cittadine.

A fare da accompagnamento musicale sarà la Banda “L’Esina” di Moie. Subito dopo, la manifestazione si sposterà nella frazione di Scisciano dove, alle ore 10.30, ci sarà la deposizione della corona d’alloro al monumento dei Caduti.  Alle ore 11,30 il sindaco e le autorità si sposteranno nel capoluogo, dove la cerimonia verrà ripetuta per i cittadini di Maiolati Spontini, con la messa alle ore 11,30 nella chiesa di Santo Stefano e a seguire (12,10) il corteo al monumento ai caduti, con l’accompagnamento della Filarmonica “G. Spontini” di Maiolati.

Il sindaco Giancarlo Carbini ha rivolto anche quest’anno un invito speciale agli alunni delle scuole e alle associazioni del Comune. Una presenza particolare sarà quella della sezione di Moie dell’Associazione combattenti e reduci, che potrà festeggiare anche il ritorno della bandiera dopo il restauro. Un vessillo ormai logorato dal tempo che aveva assoluta necessità di un intervento da parte di una mano esperta. Per il difficile compito si è offerta una signora del posto. “Una novantenne – osserva il sindaco Giancarlo Carbini – coetanea degli ultimi cinque iscritti dell’associazione di Moie, il cui rappresentante più anziano è il 95enne Federico Priori. La signora in questione è Nevrasina Piccioni, vedova Contadini, che ha un ulteriore forte legame con gli eventi. Si chiama in questo modo, infatti, perché suo padre, soldato della prima guerra mondiale, di stanza in una località con quel nome, aveva fatto la promessa di chiamare così una figlia se fosse tornato vivo. E così fece nonostante la contrarietà di sua moglie”.

Un altro momento particolare sarà la consegna al sindaco del Consiglio comunale dei ragazzi Michele Meloni, al termine del suo mandato, di una pergamena e di una medaglia spontiniana. Un riconoscimento che il Comune conferisce solitamente alle persone che si sono particolarmente distinte e che “Michele merita – spiega Carbini – per l’impegno, la passione e la giovanile serietà con cui ha svolto l’importante compito in questi anni”.

È proprio i giovani che l’Amministrazione cerca di coinvolgere nelle ricorrenze legate a momenti significativi della storia passata dell’Italia. “Sono in molti a chiedersi, insieme a noi – osserva tuttavia il sindaco Carbini – se sia giusto o meno festeggiare la vittoria del nostro Paese nella prima guerra mondiale, che costò all’Italia 650 mila morti e un milione di mutilati e feriti. Crediamo, però, che si possa onorare il sacrificio dei caduti anche rigettando la guerra come mezzo di risoluzione delle controversie. Le generazioni che non hanno conosciuto questo immane dramma, che hanno vissuto nella nuova Europa, via via unitasi nella pace e nella democrazia, debbono rispetto e riconoscenza ai tanti che caddero sul campo e a quanti si sacrificarono combatterono per l’edificazione di uno stato democratico, per costruire un futuro di pace”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.