Scuola e integrazione, Gregori (Lega): «Attenzione ai casi di 'razzismo al contrario'» | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Scuola e integrazione, Gregori (Lega): «Attenzione ai casi di ‘razzismo al contrario’»

JESI – «Ho letto in questi giorni l’attacco fatto all’assessora Marisa Campanelli sul mancato risultato delle politiche attuate nella scuola ai fini dell’integrazione, vista la sempre maggiore presenza di bambini stranieri nelle classi: sono stupita perché mi sembra assurdo che chi sostiene che raggiungere un mixité nella classe sia già un risultato siano gli stessi che sostengono che fare disegnini sulle pareti serva a fare da collante fra realtà diversissime fra loro. Può essere un primo passo ma non è sufficiente»: queste le parole della consigliera comunale Lega Silvia Gregori in merito alla questione, aggiungendo che «se i genitori decidono di portare il figlio in un’altra scuola per la paura che il programma scolastico non possa essere completato per ovvie difficoltà linguistiche e che ci sia un minore arricchimento formativo è comunque una scelta rispettabile e occorre chiedersi piuttosto come mai venga questa risposta dalle famiglie».

Per la Gregori, potrebbe essere dovuta dal fatto anche che oggi  i  nostri comuni dovrebbero capire che la scuola non  ha una struttura tipica di accoglienza  per gli stranieri ma che semplicemente adatta le sue pratiche ai nuovi arrivi: «Qualche volta questa procedura è facile da attuare, in altre no e quando lo straniero invece di arricchire l’ambiente lo impoverisce, lo disturba, lo “imbruttisce” anche in forma teppistica salta tutto il meccanismo dell’accettazione e dell’integrazione. Se non  si gestiscono i flussi cittadini nei confronti della scuola ci si troverà sempre di più davanti alla fuga degli italiani dalle scuole dove gli stranieri sono gestiti male».

«Ormai inizia a serpeggiare un malcontento dovuto a situazioni di “razzismo al contrario” dove ad essere penalizzati sono le famiglie del posto che si sentono messe da parte davanti a tutti queste forme di solidarietà e attenzione anche economica che spesso non sono loro riservate – conclude la Gregori – Integrare significa letteralmente aggiungere a qualcosa di già esistente rispettando i valori e le tradizioni di quelli già presenti e non abbattere i pregiudizi eliminando anche la parità nel rispetto delle regole e dei diritti acquisiti con alibi e giustificazioni  socio-geografiche!».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.