Jesi Città da Vivere: un progetto che unisce 20 imprenditori | Password Magazine

Jesi Città da Vivere: un progetto che unisce 20 imprenditori

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Jesi città da vivere, 20 imprenditori e professionisti si uniscono in un progetto di sviluppo virtuoso economico, sociale e culturale della città, attraverso attività di accoglienza, ristorazione e intrattenimento; il fine è quello contribuire a rendere la città di Jesi una forte armonia e una realtà sempre più vivibile e attraente per il pubblico e per il turismo.

Il gruppo di imprenditori del settore della ristorazione, dell’intrattenimento e dell’accoglienza, ha iniziato a confrontarsi già prima dell’emergenza sanitaria, spinti dalla volontà di creare un nuovo orizzonte di crescita alle loro attività grazie ad una proposta di valore, con lo scopo di generare nuovi flussi di turismo in una città sempre più dinamica, creando un’interazione positiva tra i locali della città e sostenendo una collaborazione con le istituzioni locali. Il portavoce del gruppo Marco Tombini, titolare del locale Jack Rabbit sottolinea questa volontà di collaborazione con le istituzioni e le associazioni di categoria e afferma:  «Il progetto è aperto a qualsiasi tipo di collaborazione con il pubblico, le associazioni di categoria e quelle culturali, e le istituzioni, e si propone di creare, sia sul breve che sul lungo termine, percorsi turistici e valori per la nostra città, attraverso un canale di informazione chiaro. Lo facciamo proprio ora, in un momento di difficoltà, investendo risorse per una città migliore».

Le attività dei professionisti si scandiscono in incontri in cui si confrontano attraverso tavoli di lavoro propedeutici alla progettazione e workshop specifici, per analizzare e ricercare i valori percepiti dal pubblico di riferimento e definire l’offerta.

Il progetto è stato accolto positivamente dall’Amministrazione Comunale. Ugo Coltorti, Assessore al Turismo e al Commercio, fa sapere che «L’Amministrazione ha sempre ragionato su come poter mettere in piedi situazioni per vivere meglio la nostra città; oggi sono contento che questo momento sia arrivato. Ragionare insieme porterà ad un benessere collettivo, che non è solo quello degli imprenditori, ma è di tutti coloro che fruiranno di una città da vivere, e spero che il gruppo possa allargarsi ancora. Quando è costituito un modello come questo è facile fare un ragionamento generale ben coordinato, ed è la cosa che tutti ci aspettavamo».

I locali aderenti all’iniziativa sono: Birreria Sant’Agostino, Caffè Imperiale, Cibariando Pesce & Dintorni e H22, Corso Piccolo Caffè, Da Simò, Hostaria Dietro le Quinte, Jack Rabbit, Gara Caffetteria e Specialità, Korova Club, La Picca Wine bar, Man Cave Caffè, Mezzometro pizza su misura, Pergolesi Enocaffè, Poldo Burger Bar, Rambaldus, RossoIntenso Food & Wine, Sardina Street Food, Transylvania Vinyl Bar, Vagamondo gineria, VictorJa. Partner dell’iniziativa è Premiata Fonderia Creativa.

 

A cura di Chiara Petrucci

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.