Jesi, presentato il progetto del nuovo Centro Alzheimer: sarà pronto a giugno 2021 | Password Magazine

Jesi, presentato il progetto del nuovo Centro Alzheimer: sarà pronto a giugno 2021

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI- Presentato al cantiere di via Finlandia il progetto del nuovo Centro Alzheimer, che verrà costruito grazie alla donazione di 800.000 euro del defunto fumettista di origini jesine Cassio Morosetti e sarà a lui dedicato.

Il centro, pronto per giugno 2021 e realizzato ex novo al posto dell’ex asilo Cepi, ospiterà 20 pazienti malati di Alzheimer e sarà gestito dall’ASP (Azienda Servizi alla Persona); è stato progettato su incarico del Comune di Jesi dall’architetto Carlo Melfi e la ditta che si occupa dei lavori è la Montedil di Sante Tridenti.

Il sindaco Massimo Bacci ha spiegato che è stato preferito costruire una struttura nuova anziché riadattare vecchi edifici, così da realizzare un centro creato appositamente per i malati di Alzheimer sulla base di studi medici, e afferma: «Una scelta precisa, perché nella tutela dei più fragili contano le azioni concrete e ben studiate. Un pensiero di gratitudine al compianto Cassio Morosetti che, in vita, ci ha donato le risorse per finanziare questa importante opera».

L’assessore ai Servizi sociali Maria Luisa Quaglieri ha sottolineato l’innovazione della struttura, che non sarà solo uno spazio fisico ma un centro vivo creato con la funzione di supportare e aiutare chi soffre di questa malattia: «Qui tutti parleranno la stessa lingua e saranno coinvolti nella stessa tematica, una struttura che con orgoglio rimarrà moderna per molti anni, ad uso delle persone che hanno questo tipo di patologia. Il nostro obiettivo attraverso l’ASP sarà quello di far riprendere le chiavi della memoria ai pazienti che saranno ospiti»
Il Presidente ASP Matteo Marasca ha sottolineato l’importanza a livello non solo regionale ma nazionale della struttura, e la possibilità di ospitare 20 pazienti, 4 in più di quelli attuali nel Centro Alzheimer esistente, che verrà trasferito in via Finlandia, e ha espresso i suoi ringraziamenti nei confronti dell’amministrazione comunale che ha permesso a questo progetto di vedere la luce. Ringraziamenti condivisi anche dal Presidente dell’Associazione Alzheimer Marche Rosella Bordi: «Ringraziamo Cassio Morosetti e l’amministrazione comunale. Come associazione siamo contenti di vedere che l’amministrazione si interessi al problema Alzheimer».

IMG_9719

La realizzazione della struttura, progettata con la collaborazione dell’Università di Firenze, è basata sullo studio dei pazienti stessi. Gli ambienti, sviluppati su un solo piano di 400 mq, comprendono sala per l’attività sportiva, sala per il riposo pomeridiano, cucina, mensa, servizi e patio interno, e sono progettati in funzione degli ospiti e della loro patologia. Ogni ambiente ha un colore specifico in funzione dello stesso, la stanza per il riposo pomeridiano avrà colori tenui mentre quella dedicata all’attività sportiva colori dinamici; l’impianto di illuminazione permette l’accensione delle luci senza interruttori, che sono uno degli elementi di disturbo per i malati di Alzheimer. Saranno presenti una sala che potrà ospitare convegni sulla tematica Alzheimer e un circuito interno con angolature: su ogni angolo verrà posto un oggetto, così da creare un percorso che ha la funzione di stimolare la memoria dei pazienti.
Verrà installato un impianto fotovoltaico su tutto il tetto, come afferma l’ Ing. Roberto Renzi, Assessore ai lavori pubblici : «E’ un progetto che rispetta tutti i requisiti in materia di normative energetiche e sismiche, dato che la struttura sarà quasi interamente in legno. Lo spazio esterno sarebbe dovuto essere più verde, ma siamo stati costretti ad abbattere diverse alberature a causa del loro stato di pericolo».  Alessandro Tridenti di Montedil ha aggiornato lo stato attuale del cantiere: «La fondazione in cemento armato verrà terminata per dicembre; successivamente verrà installata la struttura in legno, che avverrà in 3-4 settimane e successivamente il resto».

A cura di Chiara Petrucci

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.