Influencer: come promuovere la propria attività con le “Ferragni” locali

Username, la rubrica di tecnologia e comunicazione, tornata dopo alcuni mesi. Curata da Matteo Baleani, esperto di marketing e comunicazione che da anni collabora con Password Magazine.

USERNAME – Inflencer, una parola di cui sentiamo parlare spesso ma ancora in pochi ne capiamo il significato. Non nasce in realtà con la Ferragni, come alcuni pensano, ne con il lancio delle diverse piattaforme social. Già ai tempi della seconda guerra mondiale si era capita l’importanza dell’opinion leader e le potenzialità delle dicerie, non solo negative, su un servizio o un prodotto.
Oggi assistiamo all’esplosione, a livello mondiale, di diversi personaggi che hanno fatto della loro capacità di “influenzare” le masse un vero e proprio lavoro. Potrebbe sembrare assurdo ma non lo è. Alcuni di questi riescono, con “semplici” foto su Instagram, a spostare il mercato tanto quanto la pubblicità su giornali o televisioni, arrivando a guadagnare diversi milioni di euro all’anno.
Ma un negozio, un ristorante, un evento locale, come puo’ trovare ed avere benefici da un attività di influencer marketing? Senza sborsare vagonate di soldi per un volto conosciuto globalmente? In realtà è molto semplice e ben più economico di quello che si pensi.


Racconto una delle mie prime esperienze locali, basate addirittura su un’influenza preventiva. Era il 2016 e stavo collaborando proprio con Password Magazine e il suo editore per presentare e promuovere un evento sposi dove normodotati e disabili sfilavano insieme senza soluzione di continuità, per la prima volta in Italia. Vista la particolarità dell’evento, l’essere inserito in un contesto di piccola città come Jesi e la presenza di alcuni testimonial famosi, si trattava di una situazione sulla quale era meglio tenere “acqua in bocca” fino all’ultimo. Da qui il coinvolgimento di diversi personaggi, conosciuti in città, che iniziarono a pubblicare selfie sui social con il loro volto e le guance gonfie, come piene d’acqua, il tutto accompagnato dall’hashtag #acquainbocca e l’invito a non farsi sfuggire quanto stava per accadere. Dopo circa un mese, viene finalmente rivelato il tutto dagli organizzatori. Risultato? Articoli su tutte le testate locali senza nemmeno una conferenza stampa e quasi tutto il territorio che già sapeva dell’evento ancor prima di spendere un solo euro per la classica pubblicità.


Il Local Influencer Marketing o il Micro-Influencer sono dunque delle costole del ben più ampio mercato descritto ad inizio articolo. Si basano su cittadini o gruppi che hanno comunque un certo seguito e credibilità sul territorio e realizzano la stessa identica cosa, adattata al contesto, di una influencer come la Ferragni. Diversi recenti studi a partire da quello commissionato da Edelman inoltre dimostrano come la capacità del micro-influencer sia addirittura maggiore rispetto a quella di un vip per un semplice quanto scontato motivo: risulta a noi più vicino e comunque meno esposto di conseguenza più credibile.
Affidarsi ad un consulente per realizzare un’attività di questo tipo è assolutamente indispensabile in quanto la ricerca dei personaggi giusti, al giusto prezzo, è un lavoro che non puo’ essere lasciato al caso.
Personalmente poi ho sempre cercato di far rispettare una fondamentale regola: scegliere influencer locali che prima di promuovere un prodotto, un’attività o un evento, lo conoscano e lo apprezzino veramente. Sembra un dettaglio di poco conto ma in realtà è molto importante perchè il cliente va informato e fidelizzato, non preso in giro.

Se vuoi provare questo nuovo tipo di “promozione”, o anche solo capire se la tua realtà puo’ giovarne, non esitare a contattarmi al 320 1641448 o via mail a baleani.matteo@gmail.com

 

Matteo Baleani

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*